04
lug

Roberto Gatti
in: Recensioni

Un eccellente spumante a base falanghina del taburno

 foto-di-mario-pedicini-torrecuso

Azienda Agricola Torre dei Chiusi

Contrada Limiti

Torrecuso ( Bn )

Tel/fax : 0824 874476 – 339 6161321

Email : dpulcino@libero.it

Web : www.torredeichiusi.it

 

Vorrei ricordare cosa scrivevo molti anni orsono della zona del taburno, e piu’ in dettaglio di Torrecuso :

 

 

 

http://www.vinit.net/vini/Le_Mie_Degustazioni/Il_Beneventano_e_Torrecuso___terra_benedetta_per_grandissimi_vini_1742.html

 

 

 

 torre-dei-chiusi-logo

Avevo incontrato questa azienda casualmente, ad un vinitaly di tanti anni fa, e non ho potuto non “ innamorarmene “ immediatamente per la bontà dei suoi prodotti !

Ho poi seguito negli anni il susseguirsi degli eventi, registrando i molti premi vinti dal titolare Domenico Pulcino, anima, corpo e mente di questa bella realtà famigliare, in vari concorsi enologici ( Selezione Vini da Pesce ; Vinitaly ; la Selezione del Sindaco ecc. ) !

Vendemmia a mano e strumentazione sofisticata sono il segreto del successo

L’azienda agricola di Domenico Pulcino produce Aglianico e Falanghina di carattere

Sulle verdeggianti e soleggiate colline di Torrecuso, piccolo centro alle pendici del Monte Taburno, nel Beneventano, nasce agli inizi degli anni ’90 l’azienda agricola di Domenico Pulcino, che porta avanti con passione e orgoglio l’attività famigliare. L’azienda è stata ribattezzata Torre dei Chiusi, antico nome del paese: dodici ettari immersi in una zona vocata alla produzione dei più rinomati e conosciuti vini della cultura sannita, dove si producono veri gioielli come Aglianico e Falanghina.

 

FRA PASSATO E PRESENTE

Sono proprio questi due vini, forse, l’essenza stessa di questo straordinario territorio, che si esprime grazie anche a mani esperte e a una vendemmia realizzata rigorosamente a mano. La vinificazione, eseguita invece con le più moderne tecniche, dal controllo delle temperature durante la fermentazione, alla microfiltrazione e all’imbottigliamento sterile, consente ai vini di esprimere al meglio la propria personalità e di raggiungere un’eccezionale finezza aromatica.

 

Oggi mi sento di scrivere, con un certo entusiasmo, di uno spumante brut metodo charmat, a base di uve falanghina del Taburno, vinificazione perfetta, equilibrio sensoriale, pressione mai sopra le righe, sostanza e corpo, ne fanno un vero gioiello da non perdere !

Vino Spumante extra Dry Michaela gr. 13

fronte1

Paglierino in buona tonalità, schiuma copiosa ed evanescente, ; perlage molto fine e persistente ; naso fresco, impeccabile, fruttato e floreale, fine di grande soddisfazione ;

bocca sontuosa, fresca, intensa ed invitamte, giustamente frizzante, grande espansione ed intensità nel centro bocca, persistenza finale lunghissima che fa salivare !

retro

Un grande prodotto , spumante extra dry a base di falanghina del Taburno, come raramente capita di incontrare, da abbinare a tutti i piatti a base di pesce, carni bianche, verdure gratinate ed ai piatti della stagione estiva. Da sorseggiare come aperitivo o da tutto pasto, vi farà scordare molti altri spumanti provenienti dal nord Italia, piu’ conosciuti e pubblicizzati !

Eccellente 92/100 .

Complimenti a questo bravo viticoltore !

Roberto Gatti

 

 

Tags: , , , ,

Condividi o commenta Un eccellente spumante a base falanghina del taburno

Lascia un commento


Seguici anche su: