Home DEGUSTAZIONI VINO Azienda Collavini, è la ribolla gialla

Azienda Collavini, è la ribolla gialla

Circa 9 mesi fa, avevo scritto di questa azienda e della sua ribolla gialla spumante annata 2010 al link :

 

 

 

 

https://www.winetaste.it/collavini-ovvero-il-principe-della-ribolla-gialla/

 

 

 

 

 

Rovistando nella mia cantina ho trovato una bottiglia della stessa azienda datata 2002, la curiosità è stata immediatamente grande, nel voler provare lo stato di conservazione di questo spumante dopo 13 anni dalla vendemmia !

 

 

EUGENIO COLLAVINI VITICULTORI

c.p. 52 – Via della Ribolla Gialla 2 

33040 Corno di Rosazzo (UD)

Tel +39 0432 753222

Fax +39 0432 759792

e.mail: collavini@collavini.it 

Web: www.collavini.it

 

 

Ribolla Gialla Spumante

E’ il vino che ha assistito e partecipato alla storia del popolo friulano degli ultimi settecento anni.

Infatti il primo documento che attesta la sua esistenza risale al Medioevo, nel lontano 1299 e riferisce di un contratto di vendita del notaio Ermanno di Gemona, documento rintracciato dal Professor Perusini. Tanti i sinonimi che hanno accompagnato questo vitigno nel corso dei secoli: Rebolla, Ribuele, Rabuele, Ribuele Zale, Rebula (nella parte slava del Collio).

La nostra ribolla gialla, coltivata su terreno marnoso arenario delle colline friulane, proviene da vecchie vigne coltivate a cordone speronato e guyot.

 

 

Ribolla gialla spumante Brut 2002 gr. 12

Scheda Tecnica

Ribolla Gialla 

SPUMANTE BRUT DI QUALITA’

DA UVE

Ribolla Gialla

COMUNI DI PRODUZIONE

Corno di R. e Manzano

RESA

Circa 80 quintali/ettaro

FORME ALLEVAMENTO

Cordone speronato e Guyot

DENSITA’

5.000 ceppi/ettaro

EPOCA VENDEMMIA

Anticipata

GRADAZIONE ALCOLICA

12% vol. circa

 

TECNICA DI VINIFICAZIONE, PRESA DI SPUMA e AFFINAMENTO

Le vigne vengono allevate al fine di ottenere uve da spumantizzare. In vendemmia, la raccolta manuale in cassetta delle uve selezionate si effettua solo al mattino, dopo che la brezza proveniente da nord est ha asciugato il sottile velo di umidità notturna. Alla delicata pigiatura delle uve integre segue la decantazione naturale del mosto fiore per una notte intera. La prima fermentazione, a 14°C, si svolge parte in acciaio e parte in barriques. Alla primavera successiva la ribolla gialla viene fatta rifermentare per tre cicli lunari in grandi autoclavi orizzontali a 12°C, mentre altri 28 mesi sono necessari per l’affinamento sur lies. Segue l’imbottigliamento in completa assenza di ossidazioni. 

Ancora otto mesi di bottiglia sono necessari per completare il processo di affinamento.

Infine le bottiglie vengono confezionate e celate manualmente sotto una originale velina gialla quasi a voler preservare tutto l’amore che sapienti mani hanno saputo creare in tre anni e mezzo di lavoro.

VINO

Colore giallo paglierino brillante dai vaghi riverberi verdognoli, spumeggiante effervescenza finissima e persistente.

Delizia olfattiva delicata e fine, con profumi che ricordano la pesca noce, i fichi bianchi, la mela verde e che si confondono con note vellutate e minerali .

In bocca è freschissimo, ricco di struttura, dalle infinite sfumature anche agrumate e lunga persistenza aromatica.

CONSIGLI

Conservazione: bottiglia distesa al riparo dalla luce, in luogo fresco ed asciutto a 15°C

Accostamenti gastronomici: eccezionale aperitivo, accompagna piatti a base di molluschi e pesce. Eccelle anche come vino per tutti i momenti, anche da tutto pasto se si escludono carni rosse e selvaggina.

 

Note di degustazione di Roberto Gatti

Questo metodo di spumantizzazione, chiamato “ Metodo Collavini “ è a mio avviso qualcosa di unico che molto si avvicina al metodo classico, la mia sorpresa è stata molto piacevole, mai avrei creduto di trovare uno spumante perfettamente conservato dopo 13 anni dalla vendemmia :

 RIBOLLA_GIALLA_0,75

al colore si è presentato di un giallo intenso, con riflessi dorati, spuma evanescente e buon perlage ;

naso straordinariamente ancora “ fresco “, vitale, dopo 13 anni, con note fruttate e floreali in rotazione : albicocca su tutte ;

in bocca mantiene ancora una buona frizzantatura, di grande piacevolezza, leggera nota di mandorla tostata, ancora pimpante, buona acidità, è gradevole ed accattivante.

La bottiglia si è conservata in maniera straordinaria e ci ha stupito, lunga la persistenza finale !

 

Ottimo/Eccellente

Complimenti a questi bravi produttori !

Roberto Gatti