Home News Chianti Classico: 13 regioni vitivinicole a livello mondiale unite in un’iniziativa di...

Chianti Classico: 13 regioni vitivinicole a livello mondiale unite in un’iniziativa di tutela

Finalmente è nata una coalizione a livello mondiale per la tutela e la valorizzazione dei territori di produzione e del concetto di denominazione di origine. Oggi Marco Pallanti, presidente del Consorzio Vino Chianti Classico, è a Washington D.C. per la firma di un documento molto particolare: lalleanza fra alcune delle più importanti regioni vinicole del mondo a tutela del consumatore finale. Le regioni vitivinicole del Chianti Classico (Italia), Sonoma County e Paso Robles (California), Tokaj (Ungheria), Victoria e Western Australia (Australia) hanno aggiunto i loro nomi allelenco dei firmatari della Dichiarazione congiunta a tutela del luogo dorigine del vino, un insieme di principi miranti a educare il consumatore sullimportanza della provenienza geografica-territoriale per lidentificazione del vino. Queste sei regioni vinicole vanno a sommarsi ai sette membri fondatori della coalizione: Napa Valley, Oregon, Washington State, Walla Walla Valley, Champagne, Porto e Jerez.


Ma quali sono i contenuti della dichiarazione? Quella che potrebbe sembrare una questione esoterica, in effetti non è altro che laffermazione di un principio banale: semplicemente, quello che è in etichetta deve corrispondere a quello che è nella bottiglia. Possono le arance della Florida provenire dal Connecticut o il formaggio Cantal esser prodotto in Australia? Lo stesso concetto è valido per il vino. Tutto quello che il consumatore chiede è di avere delle etichette contenenti informazioni veritiere: nomi come Chianti Classico, Champagne, Napa Valley non possono essere utilizzati per vini non provenienti dalle zone di origine. In futuro riusciremo ad ottenere il risultato? Mai più un vino con in etichetta la denominazione Chianti potrà essere prodotto in USA o in Australia? I presupposti sono ottimi, visto che anche in questi paesi si comincia a capire limportanza ed il valore dellorigine del prodotto.


Siamo veramente entusiasti di unirci a questo prestigioso gruppo di produttori vinicoli impegnati nella tutela dei territori di origine del vino. Commenta Marco Pallanti, presidente del Consorzio Vino Chianti Classico. La novità più eclatante di questo evento è che, mentre a livello comunitario lago della bilancia si sta spostando sempre più verso una politica di valorizzazione dei marchi di fabbrica a discapito delle denominazioni di origine, proprio dagli Stati Uniti, che fino a ieri hanno creduto nella politica di marca e nella globalizzazione del mercato, parta oggi questo forte segnale per la tutela dei luoghi di produzione del vino.


Un segnale che ha avuto anche i primi effetti concreti: nel 2005 per esempio la Corte Suprema della California ha decretato che un vino etichettato Napa Ridge dovesse essere fatto con uve provenienti dalla Napa Valley, altrimenti avrebbe dovuto cessare di usare questo nome in etichetta. Nel 2006 la Corte Suprema degli Stati Uniti ha rifiutato di pronunciarsi in appello su questo caso. Lo scorso settembre il governatore Arnold Schwarzenegger ha firmato un atto con il quale si stabilisce che ogni vino che ha in etichetta il nome Sonoma deve contenere per almeno il 75% di uve cresciute nella Contea di Sonoma. In dicembre, negoziatori di Wine Accord si sono incontrati per discutere sulletichettatura dei vini in una seconda tornata di colloqui commerciali bilaterali.


Oggi gli americani sanno molte più cose sul vino di quante ne sapessero finora, e vogliono solo prodotti autentici. I consumatori hanno il diritto di sapere che le informazioni stampate sulletichetta di una bottiglia riflettono con precisione lorigine del vino che stanno acquistando. Quando viene indicata una località diversa da quella effettiva, il consumatore viene ingannato e va perduta parte dellidentità di una specifica regione vinicola, sottolinea Pete Downs rappresentante della Contea di Sonoma. Lampliamento della Dichiarazione congiunta a tutela dei luoghi di origine del vino diventa quindi unimportante pietra miliare nel movimento, in continua crescita, volto a tutelare i luoghi di origine e ad esigere unetichettatura precisa e leale. Il Consorzio Vino Chianti Classico, da sempre impegnato per la valorizzazione delle denominazioni di origine, per questo motivo è stato scelto come primo firmatario italiano del documento.


 


( Fonte Nove.Firenze )