Home News Germania, esplode l’allarme diossina, chiuse 4700 aziende agroalimentari

Germania, esplode l’allarme diossina, chiuse 4700 aziende agroalimentari


LEuropa trema: in Germania esploso lallarme diossina. Il ministro dellAgricoltura ha dato ordine di chiudere 4709 fabbriche agroalimentari, come forma precauzionale – ha detto – ma si immediatamente diffusa la foba. Precipitati i consumi di carne e uova. A nulla valso lappello alla tranquillit lanciato da Angela Merkel.


Gi la scorsa settimana un migliaio di allevatori erano stati fermati nelle loro attivit per dei controlli. Oggi lannuncio che in via precauzionale il dicastero dellAgricoltura tedesco ha deciso di chiudere pi di 4700 fabbriche e fattorie agroalimentari. Trovate tracce di diossina in uova lavorate e poi dirette in Olanda e Regno Unito, dove  ugualmente scattato lallarme. Da Berlino assicurano che nessuna partita di carne o uova infetta partita alla volta dellItalia. LEuropa segue con apprensione levolversi della situazione.


Gli scorsi novembre e dicembre lazienda Harles und Jentzsch ha consegnato in Bassa Sassonia, dove risiedono la maggior parte delle aziende chiuse, circa 2.500 delle 3.000 tonnellate di grassi alimentari contaminati dalla diossina e che sono poi stati utilizzati per la realizzazione di mangimi e foraggio. Lallarme scattato dopo che sono state rinvenute uova con tracce di diossina e mangimi contaminati destinati agli allevamenti di polli e suini. Migliaia di animali sono gi stati soppressi e, nonostante la convinzione della cancelliera Angela Merkel che sarebbe assolutamente esagerato rinunciare a carne e uova, il popolo tedesco sembra preferire la dieta vegetariana al rischio di una possibile intossicazione.


I consumi di carni e uova in Germania ha subito un crollo nellultima settimana e lo scandalo ha nettamente oltrepassato i confini tedeschi. Dallestero piovono le rinunce a commesse gi stipulate. Lultima viene dallaCorea del Sud, forte importatrice di carni tedesche. Secondo gli studi,la diossina cancerogena e costituisce un serio pericolo per le donne in stato di gravidanza.


( Fonte Blog Panorama )