Home DEGUSTAZIONI VINO IL PRIMITIVO ANNATA 1975 DI PICHIERRI : L’ARTIGIANO DEL PRIMITIVO

IL PRIMITIVO ANNATA 1975 DI PICHIERRI : L’ARTIGIANO DEL PRIMITIVO


 

La longevità del Primitivo oggi è accertata

 

Una mia “ vecchia “ conoscenza questa della Famiglia Pichierri di Sava, limitata fino ad oggi solo ai vini, in quanto non ero mai stato in visita direttamente in azienda.

Ne avevo scritto nel lontano 2003 qui, forse tra i primi in Italia :

http://www.vinit.net/vini/Le_Mie_Degustazioni/Manduria__terra_di_rossi_superlativi___2863.html

ed alcuni giorni fa ho avuto l’opportunità di una visita direttamente in azienda. In questo periodo l’azienda Pichierri si sta trasferendo nella nuova cantina di Sava, i cui lavori sono iniziati ben otto anni prima e solo oggi vedono la definitiva ultimazione.

Una famiglia di viticoltori da molte generazioni che con sacrificio ed abnegazione, non da oggi ha raggiunto vette qualitative inimmaginabili solo pochi anni addietro.

In questo video il Sig. Vittorio Pichierri, uno dei tre fratelli proprietari dell’azienda, ci spiega la filosofia aziendale e di coltivazione della vite.

 

 

Azienda Vinicola F.lli Pichierri

Via Prato 3

Sava (TA), 74028

Italy

vinicolasavese@vinipichierri.com

comunicazione@vinipichierri.com

Telefono:     0999726232-Fax:     0999721964

Internet : http://www.vinipichierri.com

Note di degustazione di Roberto Gatti

( nella foto il sottoscritto con i ” capasoni “, ovvero gli antichi contenitori del vino )


Vino Le Petrose- Primitivo del Tarantino Igt 2008

Ottenuto da uve di primitivo di Manduria 100% si presenta nel calice di un rosso rubino scuro ; naso intenso che necessita di ossigenazione per esprimersi al meglio; in bocca ha una buona acidità, tannini bene amalgamati, bona la Pai finale.

Un vino da considerare molto buono ( 87/100 ) vinificato solo in cemento vetrificato che viene venduto ( o svenduto ) ad un prezzo di solo euro 3,5.
Ottimo rapporto Q/P

Vino Terrarossa 2008 Doc Primitivo di Manduria-gr.14-

Rubino luminoso; naso intenso e gratificante, con note di macchia mediterranea ; bocca piena, calda, tannini integrati, vinificazione impeccabile, buona la Pai finale. Molto buono ( 88/100 ), viene venduto a solo euro 5,00.
Ottimo rapporto Q/P

Vino Tradizione del Nonno 2001-Primitivo Doc-gr. 16-

Colore rosso rubino con leggerissima unghia aranciata ; naso che necessita di ossigenazione ; in bocca entra fresco, pimpante, sorretto ancora da un abuona acidità , tannini finissimi, armonico, una grande beva, lungo.

Da classificare Eccellente ( 90/100 )

Vino Tradizione del Nonno 2008-gr. 16-

Rubino brillante, naso di frutta macerata sotto spirito; tannini morbidissimi, l’alcol seppure presente in alte dosi Non si percepisce, bella la beva, lungo nel finale.

Da classificare Eccellente ( 91/100 ), altrettanto eccellente il rapporto Q/P di circa euro 6,5

PRIMITIVO ANNATA 1975 gr. 16,5 4,5

37 anni sulle spalle e non sentirli : starordinario

 

Questo vino ha chiaramente dimostrato, nella pratica degustativa, che il primitivo è un vino che può e sa invecchiare se ben conservato. I zuccheri residui presenti all’imbottigliamento hanno contribuito alla conservazione, unitamente alla ceralacca apposta a copertura del tappo, consentendo cosi’ solo minimali scambi di ossigeno con l’esterno :

Colore rubino scuro impenetrabile, ancora in perfetta tonalità, senza alcun segno di cedimento verso l’aranciato , impeccabile ;

naso intenso gratificante e di grande qualità, da stare minuti ad odorarlo, ancora lontano dai profumi “ terziari “ dopo 37 anni ;

al gusto è “ abboccato “, si percepisce un leggero residuo zuccherino, i tannini sono setosi e di grana nobile, è molto piacevole ed accattivante. Un vino che ha stupito tutti i giornalisti presenti in cantina che hanno avuto “ la fortuna “ di esserci. Io personalmente ringrazio la Famiglia Pichierri per questo “ regalo “ che hanno voluto riservarci e per la loro passione che conservano nel Dna.

Un vino maestoso, superbo che ha vinto la sfida del tempo, oggi ( ma non da oggi ndr ) il Primitivo può essere annoverato tra i grandi vitigni d’ Italia e del Mondo.

Da classificare Eccellente Top Wine ( 94-95 / 100 )

Grandi sono i prodotti della terra e gli uomini che li trasformano per il piacere dei nostri sensi.

Chapeau !!

Roberto Gatti