Home News LA STELLA COMETA NEL CIELO DEI VINI

LA STELLA COMETA NEL CIELO DEI VINI

 


 


Due libri ricordano l’estro di Matteo Correggia


 


 


 


CANALE (Cuneo)


Era stato un pomeriggio di caldo, silenzi e sudore. Matteo Correggia tornava dalla campagna sul trattore, tra le colline, il sipario delle Rocche, i filari, la terra profumata dallArneis e da quel grande rosso figlio del Nebbiolo che si chiama Roero. Un ultimo lavoro, poi i bambini, la moglie, la cantina, le ore fresche della sera, i sogni da far crescere, ancora, sempre di pi.


 


Era stato un attimo, disegnato dal destino pi crudele: una scheggia di cemento, sparata dalla fresa del trattore, laveva colpito alla testa. Matteo era riuscito a trascinarsi verso casa e nellaria era rimasta una supplica in dialetto, un suono grave, disperato, con la voce che sapeva quasi di morte. Agitme, aiutami. Si era accasciato, il sangue a sporcargli i vestiti, le mani, anche lanima. Lavevano soccorso, portato allospedale. Ma quel Agitme era stata lultima parola.


 


Matteo Correggia mor il 15 giugno del 2001. Aveva 39 anni e lasciava uninfinit di grandi vini fatti crescere con le sue mani, inventati dalla sua fantasia, maturati al sole, al coraggio, alla voglia di rischiare. Era il primo, non lunico. Il pi bravo, forse, in una terra che voleva diventare una scelta orchestra e lui ne era il direttore o il primo violino.


 


Con Matteo erano in tanti nel Roero, sempre di pi e volevano vincere tutte le sfide possibili, e giocavano a fare il rosso pi buono, lArneis da premio, le cose pi belle. E intanto inventavano cultura e moltiplicavano lallegria, accendevano i fal e spegnevano la nostalgia, tra meditati silenzi e rumorose amicizie, colori vivaci, sapori forti dellautunno, i piatti di Davide Palluda, il labirinto di cantine tra i Ferrio e i Gallino, i Damonte e i Monchiero, gli Almondo, cittadini onorari di una ideale Macondo del Roero. E poi cera lui.


 


Era un grande, i suoi vini un monumento alla gente, alla terra, alle colline. Alla sua riservatezza. Matteo aveva intuito, sapeva guardare dove gli altri forse non riuscivano a vedere. Aveva genio, fantasia, determinazione, dice Luciano Bertello, presidente dellEnoteca regionale del Roero, che Matteo ha visto crescere, consacrarsi e morire.


 


E che oggi, otto anni dopo, torner a rivivere nella sua terra, per ricevere il ricordo degli amici, il grazie degli allievi, le lacrime e la nostalgia della moglie, il sorriso incerto dei due bambini, il rumore sottile che fanno le pagine da sfogliare, la filigrana delle fotografie, gli applausi che non mancheranno.


 


Dalle 17,15 nel parco del castello Malabaila di Canale, due libri parleranno di Matteo Correggia, narreranno la sua avventura nel mondo del vino e sul palcoscenico della vita e del dramma, descriveranno il suo Olimpo e quello degli altri.


 


Due libri: La cometa del Roero, (Veronelli editore) di Sergio Miravalle, giornalista de La Stampa. Biografia contadina e album di una terra che forse solo Miravalle poteva scrivere, che di vini e chi li fa conosce quasi tutto. E Una storia delle colline (Federico Motta editore) di Alessandro Avataneo (con fotografie di Carlo Avataneo), racconto per immagini, galleria di uomini, voci, sensazioni. Dei libri, oltre agli autori, parleranno Carlo Petrini, Renato Dominici e Gian Mario Ricciardi, che Matteo hanno sostenuto, ammirato, amato. Mai come Ornella, la moglie: lei che ora ha continuato la strada delle vigne e delle bottiglie, del Rche dAmpsej e de La Val dei Preti. Lei Ornella, che cinque anni fa confidava: A volte ho paura che il ricordo di Matteo svanisca. Non ho smesso di comprare vigne: era il suo stile, la sua filosofia. E quindi lo faccio anche io. Quel mondo mi entrato nel sangue. Un giorno sono andata nelle vigne storiche di Matteo, ho visto che da un filare cerano le foglie nuove. Mi sono messa a piangere, quelle foglie erano il mio presente, il mio lavoro, il mio futuro.


 


(fonte: LaStampa )


 


Video :


http://www.youtube.com/watch?v=JpkGDq2yYTo