Home News Ma che bravi questi tedeschi………!!!

Ma che bravi questi tedeschi………!!!

 

VINO MAFIOSO COME STRENNA, LA STAMPA TEDESCA SFOTTE LITALIA


 


 


Cosa raccomandare ai tedeschi come strenna natalizia tipicamente italiana? Panettone e torrone, la foto autografata degli azzurri di Lippi campioni del mondo a Berlino, un libro di Pasolini o un profumo di Armani? Neanche per sogno. Il regalo tricolore proposto ai lettori dal quotidiano Berliner Zeitung il “Don Patrone”. La pubblicit del prodotto spicca al primo posto in un paginone a colori e proclama che “un vino mafioso di Sicilia”. Impossibile non vederlo. Le parole sono in italiano, tanto per garantire l’autenticit del nettare rosso che un Nero d’Avola imbottigliato apposta per il quotidiano della capitale tedesca dalla Emmevini Spa di Verolanuova. Un brutto ceffo con la coppola troneggia sull’etichetta nera e il suo nome (Patrone in tedesco vuol dire proiettile) suggerisce l’idea dei colpi di lupara e fa rima con Corleone. Insomma, per quei mattacchioni del Berliner Zeitung, l’immagine del Belpaese resta sempre infida e malavitosa, chiunque siano gli inquilini di Palazzo Chigi e del Quirinale. La bottiglia di “Don Patrone” in offerta a 9,95 euro (55 euro il cartone da sei). Per i lettori pi esigenti, c’ una maxiofferta “mafiosa” che propone a 49,95 euro un bottiglione di “Don Patrone” con cavatappi a serramanico e 250 grammi di “Pistolen-Pasta” in una confezione tipo valigia del gangster che ha la forma di una custodia di violino. I souvenir mafiosi si possono ordinare via internet o attraverso un apposito centralino telefonico. Ma come possibile storpiare fino a questo punto il Natale italiano ? Quando lo chiediamo a Gabriela Bruns, addetta alle promozioni commerciali del giornale, il suo volto s’illumina d’allegria: Perch, non forse una cosa spiritosa? Stiamo avendo un forte successo. La maxi-offerta quasi esaurita. Le consegne per le ultime ordinazioni potremo farle ormai soltanto dopo Natale. Ma proprio la mafia che viene in mente per prima ai tedeschi pensando all’Italia? La Bruns capisce di averla combinata grossa: Sa, abbiamo preso questa iniziativa su consiglio del nostro importatore tedesco di vini italiani. Non avevamo immaginato che qualcuno si potesse offendere.


 


( Fonte Libero )