Home News Salute – Presto il vino che non fa ubriacare

Salute – Presto il vino che non fa ubriacare

Washington (USA) – Bere abbondantemente senza ubriacarsi. E’ quanto potrebbe essere possibile entro breve tempo grazie alle scoperte di un gruppo di ricercatori dell’Illinois University che hanno scoperto un modo per vinificare senza produzione di alcool.

 

La scoperta deriva dall’uso di lieviti alterati geneticamente e che non producono alcool nell’opera di fermentazione dell’uva.

I ricercatori studiavano il modo di ridurre i sottoprodotti tossici responsabili del mal di testa e della nausea, sintomi tipici della sbornia. Con il nuovo metodo verrebbero ridotti quasi completamente.

“Con il lievito ingegnerizzato – sostengono i ricercatori – potremmo aumentare di dieci volte o più la quantità di resveratrolo in una varietà di vino. Ma potremmo anche introdurre composti bioattivi provenienti da altri alimenti, come il ginseng”.

Secondo quanto descritto dalla rivista Applied and Environmental Microbiology, i ricercatori hanno usato l’enzima nucleasi come “forbice genomica” per tagliare il Dna e modificare con precisione i ceppi del lievito usati nella fermentazione.

I ricercatori sono convinti che i viticoltori possano clonare l’enzima per migliorare la fermentazione malolattica, un processo secondario che migliora la stabilità biologica del vino.

Una fermentazione malolattica impropria è responsabile della produzione dei sottoprodotti tossici responsabili dei postumi della sbornia.

I ricercatori credono che lo stesso metodo possa essere utilizzato per migliorare anche altri alimenti che richiedono la fermentazione, tra cui la birra e il pane.

 

 

( Fonte Liguriaoggi )