Home DEGUSTAZIONI VINO Villa Bucci il Verdicchio per antonomasia

Villa Bucci il Verdicchio per antonomasia

Villa Bucci 2013 riserva

Ho scritto nel recente passato di questa azienda e del suo titolare, un signore nel vero senso della parola. Una persona con le idee chiare, che da molti anni ha intrapreso questo progetto : fare vino nel cuore della Marche valorizzando e portando ai vertici quello che è uno dei migliori vini bianchi italiani. Chi vuole capire le potenzialità del verdicchio e capire fin dove può arrivare, non può non assaggiare i vini di questa azienda.

 

bucci-roby
a sx Ampelio Bucci, a dx Roberto Gatti

Consiglio una lettura qui

qui riporto un video , molto interessante , girato in azienda due anni fa :


 

 

Azienda Agricola F.lli BUCCI

Via Cona, 30- 60010 Ostra Vetere (AN)

Web : http://www.villabucci.com/

e-mail bucciwines@villabucci.com

tel./fax 071-964179 –

Ufficio Commerciale: Via Moscova,16 -20121 Milano

tel. 02-6570558 fax. 02-6554470

 

 

VILLA BUCCI RISERVA 2013 Docg  VERDICCHIO CLASSICO gr. 13,5

 

p_20180327_192743_1_p

 

Scheda Tecnica

Riserva millesimata prodotta solo in annate particolari. Affinamento: almeno un anno e mezzo in botti di Rovere di Slavonia da 50 e 75 hl.; almeno un anno in bottiglia prima dell’inizio della vendita.

Il Villa Bucci è un bianco con caratteristiche da “rosso” e come i rossi deve essere trattato, soprattutto per la temperatura di servizio che non deve essere ghiacciata ma appena fresca specialmente nelle annate più lontane, possibilmente con la bottiglia aperta almeno mezz’ora prima.

Infatti il vino, affinato a lungo in botte e bottiglia, modifica la struttura dei profumi che da primari (uva e fiori) diventano secondari e terziari: spezie, erbe aromatiche, officinali, minerali, ecc. Come avviene per i vini rossi questi odori per aprirsi hanno bisogno di respirare, e il freddo li chiude. Abbiamo imbottigliato le seguenti annate: 1983, 1985, 1987, 1988, 1990, 1992, 1994, 1995, 1997, 1998, 1999, 2000,2001,2003,2004,2005.

UVE : 100 % Verdicchio proveniente solo da “vecchie vigne” (40 anni) di nostra proprietà COLORE : paglierino brillante ed intenso con riflessi verdolini PROFUMO : complesso , imponente, elegante in cui si avvertono: nocciola, miele, spezie, pietra focaia CORPO : pieno, armonico, equilibrato e persistente

ACCOSTAMENTI : perfetto su pesce, crostacei, ostriche e aragoste; piatti con salse importanti, maiale, arrosti di carni bianche. Formaggi di media pasta. TEMPERATURA DI SERVIZIO : Da bere fresco ma non freddo (15/18°), la bottiglia aperta mezz’ora prima GRADO : 13,5 %

 

fb_img_1522135091023

 

Versato nel calice il colore è giallo paglierino leggermente intenso e verdognolo. All’olfatto si presenta di grande eleganza ed armonia, in pratica tutto quello che vi si cerca lo si trova senza che nessun sentore sovrasti gli altri: viola, salvia, pera, albicocca, mandorla, fieno, lavanda per dirne qualcuno, un perfetto equilibrio tra fiori, frutta, mineralità.

Al palato entra morbido, calmo per poi galoppare a lunghi passi verso un’esplosione, sempre equilibrata, di acidità, mineralità, sapidità, struttura; diventa potente pur rimanendo delicato e permane lunghissimo lasciando la bocca intrisa di sublime piacevolezza. Un cavallo di razza.

 

Consiglio una lettura qui 

 

Note di degustazione di Roberto Gatti

p_20180327_192806_1_p

 

Paglierino di media intensità ; naso elegante, fine di qualità alta : note floreali che richiamano fiori freschi, quali glicine, giacinto ; in bocca entra morbido in punta di piedi, poi si allarga “ a coda di pavone “ nel centro bocca, leggermente fruttato, sapido, molto intenso, consistente, equilibrato e caldo, interminabile il finale di bocca.

 

Una grande espressione di verdicchio, che ci dimostra cosa si può ottenere da questo grande vitigno, se impiantato nei terreni piu’ idonei, vinificato in maniera impeccabile come un grande enologo bianchista può fare, quale è Giorgio Grai.

 

4114873197_178c79fd0c_o
l’enologo Giorgio Gray

 

Un vino che rende grande la nostra vitivinicoltura italiana, merito di quel lungimirante, preparato e capace viticoltore/ produttore che corrisponde al nome di Ampelio Bucci.

 

Grazie sig. Ampelio, grazie sig. Giorgio per questo vino “ emozionante “, come raramente capita di incontrare.

Grandi sono gli uomini che sanno trasformare, in questo modo, i frutti della terra e portarli a noi per il piacere dei nostri sensi !

Eccellente 95-96/100

Chapeau !

Roberto Gatti