Home News Mele, cipolle e vino rosso, nemici dei tumori

Mele, cipolle e vino rosso, nemici dei tumori

La quercetina, un antiossidante presente in alcuni alimenti, pu migliorare lefficacia dei farmaci antitumorali nella cura della leucemia. I risultati in uno studio del Cnr di Avellino pubblicato on line sulla rivista Leukemia


 


Mele, cipolle, t e vino rosso: sono alimenti o farmaci? Alimenti con effetti salutistici potrebbe essere la risposta e, questo, grazie alla presenza di una piccola molecola ad attivit antiossidante, la quercetina, che secondo uno studio dei ricercatori dellIstituto di scienze dellalimentazione (Isa) del Consiglio nazionale delle ricerche di Avellino potrebbe essere utilizzata nella terapia delle leucemie.


Questa molecola, presente in quantit non trascurabili nella nostra dieta, il suo valore, infatti, di 25-30 milligrammi al giorno, ha una  potenziale attivit chemiopreventiva, cio la capacit che hanno le molecole naturali o sintetiche di bloccare il processo di trasformazione di una cellula normale in tumorale, oppure di revertirlo se gi in atto.


Molte sostanze ad attivit chemiopreventiva sono presenti in alimenti di origine vegetale, come frutta e verdure e in bevande come t e vino rosso, sottolinea Gian Luigi Russo, ricercatore presso lIsa-Cnr e responsabile della ricerca. Queste sostanze agiscono per lo pi da antiossidanti, contrastando gli effetti deleteri dei radicali liberi sulle cellule dellorganismo e modulando lattivit di numerosi enzimi responsabili della detossificazione da sostanze cancerogene assunte dallesterno (nellambiente, attraverso lalimentazione, ecc.). Uno dei sistemi che gli organismi viventi hanno messo in atto nel corso dellevoluzione per liberarsi di cellule danneggiate, quali quelle pre-cancerose, che si generano allinizio del processo di trasformazione tumorale, il suicidio cellulare programmato, comunemente noto come apoptosi. In altre parole, lorganismo si attiva per liberarsi di cellule proprie irreversibilmente danneggiate, a vantaggio della sopravvivenza dellintero organo o individuo.


Questo spiega come molti farmaci antitumorali di nuova generazione agiscano su meccanismi che attivino lapoptosi cellulare. Tuttavia, alcuni tumori, e tra questi diverse leucemie, sono resistenti sia alla normale chemioterapia sia a farmaci pro-apoptotici in fase sperimentale (ad esempio TRAIL, un ligando per un recettore apoptotico presente sulla membrana cellulare).


 Noi abbiamo dimostrato su un ampio spettro di linee cellulari derivate da leucemie umane, spiega Gian Luigi Russo, che la quercetina in grado di sensibilizzare tali cellule allazione di farmaci pro-apoptotici. Pi in dettaglio, aggiunge Maria Russo, partecipante alla ricerca, la quercetina predispone al suicidio indotto da farmaci pro-apoptotici, che in assenza di questa molecola sono assolutamente inefficaci nei confronti delle stesse cellule. Sebbene lo studio abbia fornito dati incoraggianti, fa notare il ricercatore dellIsa-Cnr, stato eseguito su linee cellulari, mentre un lavoro parallelo, condotto in collaborazione con Silvestro Volpe del Reparto di Ematologia dellOspedale Moscati di Avellino, su cellule di pazienti affetti da leucemie mieloidi e linfoidi conferma lattivit sinergizzante della quercetina quando associata a farmaci antitumorali.


Le concentrazioni di quercetina utilizzate nel nostro studio, conclude Gian Luigi Russo, sono compatibili con lassunzione dietetica giornaliera della molecola nellambito di un regime alimentare ricco di frutta e verdura. Inoltre, la scarsa tossicit della quercetina anche quando somministrata a elevati dosaggi lascia ben sperare per la progettazione di test clinici sia per lutilizzo della molecola come farmaco sia come agente chemiopreventivo.


 


Roma, 1 marzo 2007


 


La scheda


Chi: Istituto di scienze dellalimentazione (Isa-Cnr) di Avellino


Che cosa: studio sulla quercetina, molecola antiossidante da utilizzare nella terapia delle leucemie.


 


Referenze: Russo Maria, Nigro Patrizia, Rosiello Romina, D’Arienzo Rossana, Gian Luigi Russo. Quercetin enhances CD95 and TRAIL induced apoptosis in leukemia cell lines, Leukemia, marzo, 2007


 

Website | + posts

Giudice degustatore ai Concorsi Enologici Mondiali più prestigiosi tra i quali:

» Il Concours Mondial de Bruxelles che ad oggi ha raggiunto un numero di campioni esaminati di circa n. 9.080, dove partecipo da 13 edizioni ( da 9 in qualità di Presidente );

>>Commissario al Berliner Wine Trophy di Berlino

>>Presidente di Giuria al Concorso Excellence Awards di Bucarest

>>Giudice accreditato al Shanghai International Wine Challenge

ed ai maggiori concorsi italiani.