Home DEGUSTAZIONI VINO Bianco LA GRANDEZZA DEL FRASCATI QUESTO SCONOSCIUTO

LA GRANDEZZA DEL FRASCATI QUESTO SCONOSCIUTO

Il vino Frascati prende il nome dall’omonimo comune italiano di 22 680 abitanti della città metropolitana di Roma Capitale, nell’area dei Castelli Romani, nel Lazio.

Il Frascati è un vino bianco prodotto nell’area dei Castelli Romani. I due più importanti comuni della zona sono Frascati e Marino, che danno vita a tre distinte denominazioni di origine, Frascati DOC, Frascati Superiore Docg, Cannellino di Frascati DOC e Marino DOC. La DOC Frascati comprende anche la tipologia Spumante, ottenuta col metodo Charmat e presente nelle versioni Brut ed Extra dry.

Fino a 20 anni fa era un vino molto popolare, poi per vari motivi ha visto il suo declino.

L’azienda Fontana Candida è rimasta ben salda nel territorio, un grande territorio di origine vulcanica, temperato, in vicinanza al mare, con terreni ricchi di potassio e di “ mediterraneità “.

Vini , quelli della denominazione Frascati Docg, molto gastronomici, in zona troviamo laghetti vulcanici ; altre tipologie sono il “ Cannellino “ Doc, ovvero un Frascati in versione dolce, che in zona viene abbinato alla feve con il pecorino !

VERTICALE FONTANA CANDIDA VINO LUNA MATER RISERVA

 

Durante la mia partecipazione a Taormina Gourmet, magistralmente organizzata dal vulcanico giornalista Fabrizio Carrera, ho partecipato ad una degustazione verticale di Frascati Docg Luna Mater Riserva, condotta in maniera impeccabile da quello che, a mio modesto avviso, è oggi ( ma non da oggi ) tra i primissimi attori del “ mondo vino “, con molta esperienza sulle spalle e conoscenza della materia, sto scrivendo di Daniele Cernilli, alias “ Doctor Wine “, insieme all’enologo aziendale Mauro Merz !

 

Devo rilevare che, negli ultimi 10/15 anni, con il proliferare del web, si sono buttati a capofitto nel settore molti/moltissimi improvvisati che spacciandosi per esperti portano piu’ danni che benefici al settore !

Dopo aver fatto questa piccola, ma doverosa annotazione, passiamo ora alle note di degustazione di questo vino, che ci ha letteralmente spiazzato positivamente, facendo capire la grandezza di questa tipologia di vini.

I vitigni a frutto bianco da cui deriva il Frascati sono Malvasia Bianca di Candia, Malvasia del Lazio, Trebbiano Toscano, Greco (Trebbiano Giallo), Bombino Bianco e Bellone. Il Bombino e il Bellone, un tempo assai apprezzati, sono quasi in estinzione.

Ricordo, molti anni fa, una azienda laziale che aveva salvato dall’estinzione molti vitigni autoctoni , ma al momento non ne ricordo il nome !!

La varietà prevalente è la Malvasia di Candia, seguono il Trebbiano Toscano e la Malvasia del Lazio.

ANNATE DI LUNA MATER

Ottenuta coinvolgendo 200 conferitori storici, assistiti nel progetto da agronomi che hanno individuato le vigne meglio posizionate, tra quelle più vecchie (50-70 anni), con una predilezione per la Malvasia Puntinata che si affianca a quella di Candia, arricchita dalla presenza di Greco, Bombino, Bellone, Trebbiano giallo. Il tutto a favore della tipicità.

E nel dettaglio Mauro Merz racconta che il Luna Mater «vino longevo, tradizionale e innovativo al tempo stesso, armonico, caldo di alcol ha avuto un felicissimo debutto con la vendemmia 2007. Il Luna Mater 2008, pur interessante, si mostra peculiare rispetto agli altri millesimi. Il 2009 – in piena evoluzione – pare l’edizione migliore. Il2011, ancora in cantina, assomiglia al 2009, perciò anch’esso molto promettente. Per ciascuna annata di ognuno dei nostri vini accantoniamo una parte, custodita in nicchie della nostra grotta di affinamento».

LA VINIFICAZIONE DEL LUNA MATER 

Fontana Candida ha creato il Luna Mater aumentando la quota di Malvasia Puntinata e applicando a un rigoroso protocollo enologico che prevede che una parte delle uve raffreddi e venga pressata soffice e, solo dopo l’inizio della fermentazione, al mosto si aggiungano degli acini interi sgranati a mano, generando un mosto-vino di particolare aromaticità; una frazione di bacche, invece, surmatura in pianta e, dopo la raccolta, fermenta a contatto con le bucce, a beneficio della struttura. A questa parte di mosto-vino si aggiunge a più riprese quella porzione di vino generato dalla prima fermentazione. Terminata questa fase, si lascia il tutto a contatto con le fecce fini, con periodici bâtonnage.

APPUNTI DI DEGUSTAZIONE LUNA MATER FRASCATI RISERVA DOCG

ANNATA 2021

Giallo paglierino di media intensità, limpido e brillante ; naso fresco, fruttato e giovane ; in bocca è gratificante, sapido, godibile, ha un grande futuro avanti a se’. Eccellente oggi da 92/100 in futuro arriverà a 95/100 !

ANNATA 2020

Giallo paglierino di media intensità, limpido e brillante ; tanto frutto croccante al naso ; bella acidità alla gustativa, è ancora giovane, uscirà sul mercato tra qualche anno, in evoluzione. Eccellente 93/100

ANNATA 2019

Giallo paglierino di buona intensità, limpido e brillante; naso stupendo e coinvolgente; bocca equilibrata, sapido e molto lungo nel finale. Eccellente 96/100 un TopWine

ANNATA 2018

Giallo paglierino di buona intensità, limpido e brillante ;

grande naso coinvolgente, fine, elegante ed intenso ; bocca armonica, buona acidità in sottofondo, sapido e molto lungo. Eccellente 95/100

ANNATA 2017

Forse il meno in forma della batteria, probabilmente una bottiglia non performante come le altre, piu’ speziato al naso, caldo ed evoluto, in fase discendente, comunque un bel vino ugualmente da 93/100

ANNATA 2016

Giallo paglierino di buona intensità, limpido e brillante ; naso fresco ed accattivante; bocca di grande impatto gusto/olfattivo, di classe, leggermente ammandorlato nel finale di bocca che è lunghissimo, “ da qui all’eternità “.

Ha effettuato la malolattica !

Eccellente 96/100

ANNATA 2015

Giallo paglierino di buona intensità, limpido e brillante ; naso fresco, ancora molto giovane, grande bocca coinvolgente, piacevole, armonico ed intenso.

Eccellente 95/100

ANNATA 2012

Bel giallo paglierino intenso, limpido e brillante ; naso vanigliato, mandorla amara ; bocca potente, amarognolo nel finale interminabile, solare e mediterraneo. Da abbinare ad una “ carbonara “, Eccellente da 95/100

ANNATA 2011

Una grande annata : equilibrato, sapido, buona struttura, via di mezzo tra struttura ed acidità, vinificato in barrique di acacia , in equilibrio,. Ancora giovanissimo, molto lungo Eccellente da 96/100

ANNATA 2010

Giallo paglierino intenso, limpido e brillante ; profumo intenso e vanigliato; meno strutturato del precedente , bocca piacevole, si apre bene nel centro bocca, leggermente piu’ acida, piu’ esile, di classe, lungo. Eccellente 94/100

ANNATA 2009

Giallo paglierino di buona cromaticità, limpido e brillante ; complessità olfattiva, vinificato in bocca di acacia ; 5 di acidità fissa con un Ph di 3,40, senza picchi di acidità, avvolgente e succoso. Eccellente da 94/100

ANNATA 2008

Al naso frutto e vaniglia ; intenso in bocca, non si percepisce amaro nel finale di bocca, sapido, succoso, di grande soddisfazione, avvolgente, worm finish, caldo nel finale. Eccellente 96/100

ANNATA 2007

La annate piu’ longeve/datate hanno un giallo paglierino piu’ intenso e dorato ; naso intenso, speziato, complesso, vaniglia ; bocca sontuosa, sapida , in perfette condizioni, molto lungo. Dimostra non piu’ di 5/6 anni, quando in effetti ne segna già 15 ! Vinificato in tonnaux di acacia non tostato

Eccellente un grande vino da 96/100

CONCLUSIONI

Una gran bella e coinvolgente verticale di Frascati, che mi ha aperto un mondo semi sconosciuto e mi ha fatto capire la grandezza di questa tipologia di vino, ancora poco conosciuta ed, a torto, snobbata e non considerata come invece merita.

“ Grandi sono gli uomini che sanno trasformare in questo modo i frutti della terra e portarli a noi, per l’appagamento dei nostri sensi “

CHAPEAU !

Complimenti

Roberto Gatti