10
lug

Roberto Gatti
in: Comunicati Stampa, News

Chef Massimo e Italian Cuisine & Wines a Beijing (Pechino), Changsha e Shanghai

Dall’11 al 20 di luglio si svolgerà in Cina, con un programma articolato nelle città di Beijing, Changsha e Shanghai la nona edizione del roadshow cinese dell’Italian Cuisine & Wines

 

La cucina italiana sta avendo un boom eccezionale in tutto il mondo per la sua innegabile bontà, per i suoi piatti spesso di origine popolare relativamente semplici da preparare, per la validità della dieta mediterranea (patrimonio UNESCO) e dei suoi ingredienti fondamentali e soprattutto per una la presenza in tutto il mondo di chef italiani che si fanno promotori della nostra cucina!

 italian-cuisine-wines-640x275

Organizzato da The I Factor, sotto la direzione di Rosario Scarpato e con il supporto del Culinary Event Coordinator Chef Massimo 马西莫主厨 (Massimiliano Esposito) Presidente della Federazione Italiana Cuochi (Federation of Italian Chefs FIC) in Cina, il Summit sarà promosso con la collaborazione dei migliori ristoranti italiani delle città ospitanti e di itchefs-GVCI.com, un network di oltre 2.500 cuochi e professionisti della ristorazione italiana che lavorano in 70 paesi nel mondo.

L’Italian Cuisine & Wines World Summit (nono a livello mondiale e alla seconda edizione in Cina) si svolgerà dall’11 al 20 di luglio in tre tra le principali città cinesi: Beijing (Pechino), Changsha e Shanghai.

 chef-massimo-200x300

Il roadshow cinese prevede la presenza dei seguenti cuochi stellati rappresentanti della migliore cucina italiana:

Heinz Beck La Pergola, Roma – tre stelle

Tano Simonato Tano passami l’olio (Milano) – una stella

Raffaele Ros San Martino Scorze’ (Venezia) – una stella

Luciano Zazzeri La Pineta, Marina di Bibbona (Livorno) – una stella

Paolo Gramaglia President, Pompei (Napoli) – una stella

Luigi Taglienti Lume, (Milano) – una stella

Terry Giacomello Inkiostro (Parma) – una stella

Enrico Gerli I Castagni, Vigevano (PV) – una stella

 banner1

Per poter apprezzare al meglio la cucina italiana bisogna imparare ad apprezzare i nostri vini, la nostra storia, le nostre città, la nostra millenaria cultura. Questo aspetto importantissimo che riguarda l’insegnamento ed i rapporti tra due culture millenarie Italia-Cina è stato affidato a Unichef Consulting azienda specializzata nella comunicazione e nella formazione.

 

 

( Fonte comunicati-stampa )

Tags: , , , ,

Condividi o commenta Chef Massimo e Italian Cuisine & Wines a Beijing (Pechino), Changsha e Shanghai

Lascia un commento


Seguici anche su: