Home Recensioni Humar ed il Friulano di San Floriano del Collio

Humar ed il Friulano di San Floriano del Collio

Quando si scrive di vini bianchi del Friuli Venezia Giulia, la mente ed i ricordi corrono in zona Collio goriziano, ovvero quella parte Est della regione, al confine con la Slovenia !

 

collio-doc

Credo, senza tema di smentita, che in questo lembo di terra vedano la luce, da anni, ( tra )i migliori vini bianchi d’ Italia.

Si scrive Collio goriziano e si pensa al Sauvignon ed al Tocai, i due vitigni bianchi per eccellenza, autoctoni della regione, i quali sono da sempre tra i miei preferiti in assoluto, perchè tipici e forti marcatori della zona in cui nascono !

Molto ho scritto di questi vini, fin dal lontano 2004, ai link :

 

 

http://www.vinit.net/moduli/ricerca/?q=tocai+gatti+roberto&tipo=A&sezione=&page=3

 

 

ed anche qui :

 

 

https://www.winetaste.it/progetto-friulano-zegla-2012-un-vino-seguendo-i-ritmi-della-natura/

 

 

 

L’azienda di oggi è :

Società Agricola Humar

loc. Valerisce, 20

34070 San Floriano del Collio (GO)

Tel. +39 0481 8841 97

Fax +39 0481 8848 28

email: info@humar.it

www.humar.it

 

 

 

 

 

Vitigno

( tratto dal sito aziendale )

Italiano o ungherese? O meglio: friulano o ungherese? Fiumi di inchiostro sono stati versati, sull’origine di questo vitigno, persino un processo internazionale è stato intentato per la sua paternità. Conti, cocchieri, frati, vescovi, guerrieri l’ avrebbero importato in Friuli. Si può solo affermare che il Friulano, sia per vitigno che per vino, è diversissimo da quello ungherese. Basti solo ricordare che il Friulano è un vino secco, con spiccato sapore di mandorla, fruttato; quello ungherese è liquoroso, di colore ambrato, con circa 15 gradi di alcol.

 

Vino Friulano Doc 2017 gr. 13

retro

Siamo nel cuore del Collio a San Floriano, dove vede la nascita questo Tocai ( perchè tale era e tale rimane nel cuore di ogni cultore ed appassionato della tipologia ndr ) , degno e tipico rappresentante della tipologia e del territorio :

giallo paglierino di media intensità, limpido e brillante ; naso pulito, integro ed intenso con note di frutta a pasta gialla ; in bocca rispecchia fedelmente la tipologia, giustamente caldo, spicca la nota di “ mandorla amara “, lungo nel finale.

fronte

Ricorda i migliori tocai di molti anni fa.

Ottimo/eccellente 88-89/100

 

Complimenti per questa bella realizzazione !

Roberto Gatti