Home DEGUSTAZIONI VINO IL LAMBRUSCO DI CASTELVETRO FOR-MO-SA

IL LAMBRUSCO DI CASTELVETRO FOR-MO-SA

Cantina Formigine Pedemontana

Una cantina sociale che si è distinta per la piacevolezza dei suoi prodotti, in modo particolare con il lambrusco di Castelvetro denominato FORMOSA !

 

I circa 380 soci della cantina coltivano sapientemente le loro uve su una superficie complessiva di oltre 600 ettari di vigneti, localizzati nei terreni asciutti dell’alta pianura e della collina modenesi, aree dominate da ville signorili e antichi castelli, dove lo sfondo degli Appennini, su cui si staglia il Monte Cimone, fa da cornice ad un dolce paesaggio di rara bellezza.

Il 70% dell’uva conferita nel moderno stabilimento di Corlo di Formigine è Lambrusco Grasparossa di Castelvetro DOC, di cui la cantina ne rappresenta il maggiore produttore, essendo in piena zona di origine di questo vitigno autoctono. Questo vitigno di non grande vigoria vegetativa, ha una particolare caratteristica: in autunno si arrossano non solo le foglie, ma anche raspo e pedicelli.

Il grappolo è spargolo a forma conica, di media lunghezza, con acini sferoidali, di colore blu scuro o nerastro, pruinosi, con buccia consistente e polpa mediamente succosa, dolce, lievemente acidula. Sopporta facilmente le avversità, anche climatiche, e matura relativamente tardi, dopo aver carpito anche gli ultimi raggi del sole autunnale.

Nella zona collinare vera e propria, i terreni di superficie sono poco permeabili, molto “magri” e di coltivazione laboriosa, perché costituiti per lo più da argille sabbiose o marnose e da argille scagliose inglobanti blocchi calcarei di ogni dimensione. E’ proprio in queste zone che il Lambrusco Grasparossa riesce a dare produzioni meno abbondanti, ma di grande qualità.

VINO LAMBRUSCO GRASPAROSSA DI CASTELVETRO DOP FOR-MO-SA GR.11

 

Nella zona sub-collinare i terreni sono invece costituiti da limi e sabbie limose su un fondo di ghiaie, ed offrono pertanto una buona permeabilità. In queste terre, il Lambrusco Grasparossa fornisce una produzione più abbondante, ma con caratteristiche non molto diverse da quelle del Lambrusco coltivato in collina.

Di colore rosso rubino intenso, con riflessi violacei e spuma evanescente con orli della medesima tonalità, ha profumo vinoso, intenso, fruttato, fragrante, complesso, che ricorda anche l’aroma dell’uva. Di sapore sapido, armonico, gradevolmente vinoso, di equilibrata acidità, leggermente fruttato, con piacevole retrogusto amarognolo.

Tra i tipi di Lambrusco D.O.P. è quello con corpo più pieno e presente. Si abbina splendidamente ai primi piatti conditi con carne, paste al forno, arrosti, salumi, formaggi anche a pasta fermentata e più in generale con tutti i primi tradizionali della cucina emiliana.

 

NOTE DI DEGUSTAZIONE

 

Rosso rubino con riflessi violacei, spuma copiosa ed evanescente ;

naso fresco ed invitante, con note di piccoli frutti rossi tipici del vitigno ;

in bocca è invitante, gradevole, tipico, appagante, bene vinificato, in equilibrio sensoriale.

Da bere fresco a 16/18 gr., uno tra i migliori lambrusco in circolazione , da classificare Eccellente 90/100.

Complimenti a questi bravi viticoltori !

Roberto Gatti

Website | + posts

Giudice degustatore ai Concorsi Enologici Mondiali più prestigiosi tra i quali:

» Il Concours Mondial de Bruxelles che ad oggi ha raggiunto un numero di campioni esaminati di circa n. 9.080, dove partecipo da 13 edizioni ( da 9 in qualità di Presidente );

>>Commissario al Berliner Wine Trophy di Berlino

>>Presidente di Giuria al Concorso Excellence Awards di Bucarest

>>Giudice accreditato al Shanghai International Wine Challenge

ed ai maggiori concorsi italiani.