12
mar

Roberto Gatti
in: Recensioni, Viaggi

ABRUZZO : Montagne, mare ed enogastronomia

( Parte prima )

Sono già stato diversi anni fa ( almeno 6/7 ) in Abruzzo, vi sono ritornato ai primi di marzo di quest’anno per partecipare ad un Press Tour molto bene organizzato dal Consorzio di Tutela, con il supporto della agenzia Pomilio Blumm, che ha toccato tutte e 4 le provincie abruzzesi !

In questa prima parte cercherò di riassumere quanto di meglio ho toccato con mano, o meglio con vista, naso e palato ; un tour enogastronomico di livello che ha compreso qualche visita a basiliche e monumenti di interesse storico ed artistico.

( Abbazia San Clemente a Casauria )

( il vecchio vigneto impiantato dall’azienda Zaccagnini nel cortile dell’Abbazia San Clemente, con il ricavato ne viene

finanziato il restuaro )

 

Una considerazione che mi piace sottolineare fin da subito : chi Vi scrive è un amante estimatore di quel grande vitigno a bacca rossa che corrisponde al nome di Montepulciano d’ Abruzzo, qualche collega specializzato in turismo mi chiedeva la differenza tra il vino che si produce nel comune di Montepulciano in provincia di Siena e quello che si produce in Abruzzo, in quanto è molto facile creare confusione nel consumatore italiano ed ancora di piu’ in quello straniero.

 

Il Montepulciano d’ Abruzzo è un’uva a bacca rossa che concorre alla produzione all’omonimo vino per almeno l’85%, in base al disciplinare ( 90% nel caso del Docg colline Teramane );

 

( grappolo di Montepulciano d’ Abruzzo )

mentre il vino denominato “ Nobile di Montepulciano “ è prodotto in Toscana nel comune di Montepulciano ed è prodotto con uve di Sangiovese, chiamato in loco Prugnolo Gentile, con un minimo del 70% a cui possono concorrere per disciplinare altre uve autorizzate nella regione per il rimanente 30% !

 

 

Considerazioni

Ho registrato con piacere che il vitigno pecorino in questi ultimi anni ha registrato un vero e proprio boom di successi e di vendite, ne avevo scritto per primo in Italia ( ed all’estero ) nel lontano 2002, riproponendo l’articolo nel 2008 , consultabile al link :

 

 

 

 

 

http://www.vinit.net/vini/Le_Mie_Degustazioni/Un_Pecorino___solo_da_bere___186.html

 

 

 

 

 

Di questo sono ancora oggi grato al bravo produttore Rocco Pasetti dell’ Azienda Contesa, a cui abbiamo fatto visita durante il press tour, ne scriverò piu’ avanti in altro articolo !

 

Quindi per riepilogare il Montepulciano era, ed è, tra i miei 3 vini italiani a bacca rossa preferiti ; il pecorino è quello che tra i bianchi offre ( tra ) le maggiori performances , ma su tutti in questi giorni ho apprezzato e ri-valutato il Trebbiano d’ Abruzzo, che in tutta Italia per troppi anni è stato considerato un vitigno “ figlio di un Bacco Minore “, per il semplice motivo che venivano prodotti anche 300 q.li/uva x ha, con il risultato che ne usciva un vino scarico ed insignificante. Oggi a mio avviso, senza nulla togliere agli altri vitigni a bacca bianca, questo è il vitigno che raggiunge le piu’ alte vette qualitative e darà non poche soddisfazioni a quei produttori che si impegneranno per questo !

 

 

PRIMA GIORNATA

 

Nel primo giorno del tour abbiamo visitato e degustato i vini di tre aziende della provincia di Chieti, riportati in ordine strettamente cronologico .

 

CANTINA RIPA TEATINA

Società Cooperativa Agricola

C.Da Casale n.61,66010 Ripa Teatina (CH)

Tel: +39 0871.399001, Fax: +39 0871.399133 -

E-mail: info@cantinaripateatina.it

Sito : http://www.cantinaripateatina.it

 

 

Un po di storia

( liberamente tratto dal sito aziendale )

 

“ Cantina Ripa Teatina nasce nel 1970 come associazione cooperativa tra alcuni viticoltori, la Cantina conta oggi circa 400 soci, che coltivano ca. 700 ettari di vigneti, compresi nelle zone di Ripa Teatina, Francavilla al Mare, Bucchianico e Chieti.

Negli ultimi anni l’impegno e la cura prestati nella coltivazione e nell’attenta vinificazione, legate alle tradizioni tramandate di padre in figlio e aperte al tempo stesso alle innovazioni tecnologiche, hanno portato la Cantina ad un alto livello qualitativo.

Il frutto del lavoro, della passione e dell’amore che i produttori infondono nella coltivazione dei propri vigneti e la continuità della tradizione di raccolta manuale, vengono affiancate ad un impianto tecnologicamente avanzato.

Il meritato riconoscimento ottenuto in concorsi enologici sono un vanto per il nostro lavoro che mira continuamente al miglioramento della produzione e della qualità.

Cantina Ripa Teatina detiene numerosi marchi esclusivi, che raggruppano nella stessa linea varie qualità di vini Doc, Igt e tavola in bottiglie, bag in box e bag in tube.”

 

Le bottiglia prodotte sono circa 1 milione suddivise in tre linee : una base, una per la ristorazione media ed una selezione per l’alta ristorazione

 

 

I vini degustati in azienda :

 

a ) Trebbiano 2013-gr.12

Paglierino chiaro ; note gradevoli e fresche di mela delicious ; in bocca è piacevole, fresco, sorretto da una buona acidità, ben vinificato, medio lunga la persistenza finale.

Vino dal grande rapporto Q/P venduto a 2 euro/bott. da 0,750 ;

 

 

 

b ) Don Feuccio 2012- gr. 12,5

Da uve Trebbiano, si presenta di colore paglierino chiaro; profumi di media intensità ( necessita di ossigenazione per manifestarsi al meglio ) ; in bocca è intenso, sapido di buona beva. Affinamento sulle fecce nobili con batonage, intenso e lungo nel finale.

Molto buono ( 86/100 ) dal grande rapporto Q/P euro 2,60 al pubblico ;

 

 

c ) Pecorino 2013- gr. 13

Colore paglierino chiaro; al naso note di erbe aromatiche ; in bocca ha una bella sapidità, acidità in evidenza, medio lunga la persistenza finale. Molto buono ( 86/100 ) euro 3,50 al pubblico ;

 

 

d ) Pecorino Don Feuccio Docg gr. 13

Giallo paglierino di buona intensità; naso gratificante di mela e frutta a pasta bianca ; in boca è fresco, fragrante, molto buono/ Ottimo ( 87/100 ) ad euro 4,90 ;

 

 

e ) Cerasuolo Don Feuccio 2013 gr. 13

Di colore rosato “ cerasuolo “ ; naso fruttato di piccoli frutti rossi ; in bocca è gradevole, buona sapidità, persistenza media. Buono ( 83/84 ) ad euro 4,30 ;

 

 

 

f ) Rosso di Ripa 2012 – Montepulciano d’ Abruzzo

Rubino in bellissima tonalità coinvolgente, quasi violaceo ; naso pulito con leggere note speziate frammista a frutta ; in bocca ha tannini morbidi, gradevole, medio/lunga pa Pai finale ! Molto buono ( 85/100 ) ad euro 2,70 ;

 

 

 

g ) Don Feuccio 2010- gr. 13,5- Montepulciano d’ Abruzzo

Rosso rubino scuro ; naso pulito molto interessante ; in bocca ha tannini ancora “ graffianti “pulisce bene “ molto buono ( 87/100 ) ad euro 4,30 ;

 

 

 

h ) Spiro 2009- gr. 15 Montepulciano d’ Abruzzo

rosso granato scuro ; note speziate ; in bocca è caldo, tannini ancora in fase di “ integrazione ed assorbimento “, lungo, molto buono ( 88/100 ) ad euro 15

 

 

 

SECONDA AZIENDA

 

( pecore in mezzo ai vigneti )

Il Feuduccio

Via Feuduccio, 2, 66036 Orsogna ( Chieti )

Telefono:0871 891646

Sito : http://www.ilfeuduccio.it/

 

( Uno scorcio dell’azienda )

Una azienda molto bella, curata nei minimi dettagli, dalle particolari ed armoniche forme architettoniche; il tutto molto funzionale per la lavorazione delle uve, vinificazione e stoccaggio. Molto accogliente anche la sala degustazione, dove abbiamo avuto il piacere di godere di un ottimo pranzo, unitamente ai seguenti vini :

 

 ( l’ingresso ad arco della cantina sotterrata )

 

a ) Pecorino 2013 gr. 13

paglierino di media tonalità ; naso giovane di frutta a pasta bianca ; in bocca è armonico, fruttato, abbastana lungo ( 85/100 ) ;

 

 

b ) Vino Ursonia 2005 gr. 14,5- Montepulciano d’ Abruzzo

I vini rossi di questa azienda sostano circa 3 anni in botti di diverse capacità ed altrettanti anni in bottiglia, prima di essere commercializzati :

rosso rubino scuro ; eleganti note speziate; in bocca è morbido, caldo, lungo. Eccellente ( 93/100 )

 

c ) Ursonia 1999

Rosso granato vivo, dopo 15 anni dalla nascita ; note terziarie di cuoio, tabacco ; in bocca è “ una piuma “, caldo, tannini perfettamente integrati, ancora pimpante, lungo. Eccellente ( 92/100 )

 

 

 

d ) Margae 2003 gr. 14- Montepulciano d’Abruzzo

Rosso rubino scuro ; naso intenso con una bella e pulita speziatura ; in bocca è “ un vino di ferro in guanto di velluto “, tannini amalgamati e bene integrati, lungo, Eccellente ( 94/100 )

 

 

 

e ) Margae 1999 gr. 14

Granato vivo ; naso con note terziarie, sella di cavallo/cuoio ; in bocca è una seta, di grande levatura e qualità, tannini integrati, un vero “ cavallo di razza “ lungo. Eccellente ( 93-94/100 )

 

Questa azienda produce anche tre tipologie di Olio extra vergine di oliva, veramente molto buoni e di estrema qualità, unitamente ad un’ottimo rapporto qualità/prezzo di circa 6 euro al litro, in lattine da 5 litri !!

 

 

 

TERZA AZIENDA

 

Gianni Masciarelli

 

( una veduta di Villa Gemma, sede della prima cantina )

 

Ero già stato in visita a questa bella realtà abruzzese almeno 7 anni fa, quando vi era ancora alla guida il “ Grande Gianni Masciarelli “ prematuramente scomparso, oggi diretta con costanza, passione e determinazione dalla moglie Marina Cvetic, la quale in azienda al Castello di Semivicoli ci ha illustrato le strategie aziendali. Una azienda privata che oggi è tra le piu’ grandi e quotate d’Abruzzo, con i suoi 320 ha vitati, sparsi in tutte 4 le provincie abruzzesi !

 ( nella foto a dx Marina Cvetic )

 

Prima e durante l’ottima cena abbiamo potuto degustare questi vini :

 

a ) Trebbiano 2012 Castello di Semivicoli

 

Uno dei miei trebbiani preferiti, vinificato solo in acciaio, di cui già ne avevo scritto in passato al link :

 

 

 

http://www.winetaste.it/il-trebbiano-di-semivicoli/

 

 

 

 

giallo paglierino di media intensità ; naso elegante, fresco, fruttato con note di mela e pera ; in bocca si dispiega a meraviglia nel centro, è sapido, intenso. Veramente una delle migliori dimostrazioni dove può arrivare il trebbiano se ben coltivato ! Ottimo ( 90/100 ) ;

 

 

b ) Iskra 2004 Montepulciano Colli Aprutini Igt

bello fin dal colore di un rosso rubino scuro ; naso intenso di frutta rossa e spezie ; in bocca ha tannini bene integrati ma vivi e pimpanti; lungo nel finale ! Eccellente ( 91/100 ) ;

 

 

c ) Villa Gemma 2006 gr. 14,5

Ancora in tonalità violacea dopo circa 8 anni dalla vendemmia ; già godibile oggi ma con un grande futuro avanti a se ( almeno altri 20 anni ndr ! ); frutta rossa di grande pezzatura frammista a spezie ; tannini bene integrati, buona spalla acida, caldo e lungo nel finale ! Eccellente ( 93/100 )

 

 

Anche l’Azienda Masciarelli produce alcuni Oli extra vergine di oliva veramente di alta qualità e nel Castello di Semivicoli, completamente ristrutturato con grande gusto ed attinenza alle origini, ha ricavato alcune stanze per ospiti e clienti !

Un vero e proprio “ Chateau “ dove bellezza, tranquillità e charme sono all’ordine del giorno, per una vacanza in tutto relax fuori dai rumori e dai problemi quotidiani !

 

 ( la suite dove l’attore Depardieu ha girato un film recentemente )

Roberto Gatti

12 Marzo 2014

 

 

( seguirà a breve seconda parte )

 

 

 

Tags: , ,

Condividi o commenta ABRUZZO : Montagne, mare ed enogastronomia

Lascia un commento


Seguici anche su: